Disciplina del PTCP

Art. 6 Raccordo con la pianificazione comunale e termini per l'adeguamento dei Piani strutturali e degli atti di governo comunali.

Gli strumenti di pianificazione territoriale dei Comuni e gli atti di governo del territorio di ogni soggetto pubblico, nonché le loro varianti:

A. Si conformano a quanto disposto dal PTC provinciale per quanto attiene ai criteri che esso stabilisce per la conoscenza dello stato del territorio e degli insediamenti, per la formazione coordinata degli strumenti e degli atti di governo del territorio e per i relativi procedimenti di valutazione integrata nonché di verifica periodica relativamente sia al loro stato di attuazione, sia alla permanente validità delle scelte statutarie e strategiche ed in particolare per:

  • - il rilevamento, alle diverse scale territoriali, degli elementi incidenti sulla sostenibilità dello sviluppo e sulla qualità del territorio, nei suoi diversi aspetti;
  • - la individuazione degli ambiti di riferimento idonei alla determinazione degli effetti attesi e alla verifica e valutazione degli effetti indotti dalle scelte programmatiche e di gestione sia generali che di settore;
  • - la individuazione delle aree connotate da condizioni di degrado urbanistico, fisico, igienico, socio-economico, geofisico;
  • - il monitoraggio periodico degli strumenti ed atti della pianificazione provinciale e comunale per consentire il controllo effettivo del "sistema" governo del territorio e della evoluzione dei percorsi di sviluppo sostenibile attivati.

B. Dimostrano esplicitamente, attraverso i procedimenti di valutazione integrata :

  • - il rispetto delle invarianti strutturali individuate dal PTC;
  • - la piena coerenza delle loro scelte statutarie e strategiche e la congruità delle scelte operative e gestionali con i contenuti del PTC;

I Comuni danno attuazione alla presente disciplina con i Piani strutturali e gli atti di governo del territorio di competenza verificando ed integrando preliminarmente il quadro conoscitivo del PTC con approfondimenti a scala di maggior dettaglio, in accordo con i criteri e gli indirizzi contenuti nelle presenti norme.

Le eventuali modifiche delle perimetrazioni contenute nei PS sono segnalate alla Provincia ai fini dell'art. 3.

Le previsioni degli strumenti di pianificazione territoriale e degli atti di governo del territorio comunali in contrasto con il PTC o con gli atti di governo di competenza provinciale sono soggette all'applicazione delle misure di salvaguardia ai sensi dell'articolo 61 della L.R. 1/2005.

I Comuni adeguano il proprio Piano strutturale nel momento in cui intendono procedere:

  • - alla variazione dello stesso nel caso che essa incida sui contenuti statutari e strategici del PTC;
  • - a modifiche del Regolamento Urbanistico incidenti sulla disciplina degli insediamenti esistenti relativamente ai punti e), f) e i) dell' articolo 55, comma 2 o sulla disciplina degli assetti insediativi, infrastrutturali ed edilizi del territorio relativamente ai punti a), b) e c) dell' articolo 55, comma 4;

La Provincia assicura l'assistenza tecnica ai Comuni nella formazione del Piano strutturale e degli atti di governo del territorio.