Disciplina del PTCP

Art. 31 Sistema territoriale del mare e della linea di costa

Il sistema del mare racchiuso tra le secche della Meloria a nord e le isole di Gorgona, Capraia, Pianosa e l'isola di Montecristo a sud, per chiudersi vero il golfo di Follonica conserva particolari ed importanti caratteri della flora e della fauna marina. Ricomprende l'area del Santuario dei Cetacei. Particolare rilievo hanno le vaste praterie di posidonie e di altre fanerogame che costituiscono un'importante risorsa bionomica dei fondali. La dimensione dei traffici del porto di Livorno, merci e passeggeri, e di quello di Piombino fa s&igrave che l'area sia interessata da significativi flussi di navi in transito. L'isola d'Elba si trova al centro dell'area marina ed è meta dei numerosi traffici commerciali e passeggeri di Piombino.

Il mare è caratterizzato sostanzialmente da fanghi e fondi detritici e popolamenti algali tra Livorno e Castiglioncello e vaste praterie di Posidonia tra le secche della Meloria e Livorno e lungo costa, comprese le isole, fatta eccezione per un tratto tra Cecina e Bibbona ove più consistenti sono i fondi sabbiosi.

Il sistema territoriale della linea di costa è la fascia di contatto tra l'ambiente marino e quello terriero, la cui esistenza, qualità e condizione fisica dipende dalle condizioni e dagli usi degli ambienti contermini che lo compongono.

Il sistema tende a individuare i caratteri di fisicità e le condizioni indispensabili al mantenimento della linea di costa, dall'altro a disciplinare gli usi e determinare le condizioni di trasformabilità compatibili.

Il Sistema della LC si interconnette con gli altri sistemi territoriali di collina e di pianura ed ha affinità col mare. fisici determinano le caratteristiche della linea di costa altrettanto gli usi incidono fortemente sulle medesime. Presenta ambienti naturalistici di costa alta e rocciosa (20%), di costa bassa e rocciosa (4%), di costa bassa e sabbiosa (66%) ed è caratterizzata dalla estensione della città portuale e di quella balneare (10%).

Morfologicamente alcuni tratti di costa subiscono fenomeni in corso di erosione, trasformazione antropica, protezione.

Nei suoi aspetti di contestuale territorialità e funzionalità il sistema LC concorre a caratterizzare il territorio provinciale in modo significativo per la presenza di elementi naturali integri, per la presenza di economie predominanti e per contenere la funzionalità infrastrutturale del territorio provinciale.

Art. 31.1 Sistema territoriale del mare e della linea di costa. Obiettivi

Obiettivi di carattere generale sono rappresentati da:

  • a - il mantenimento della linea di riva
  • b - il contenimento dei sedimenti marini che la compongono e delle loro fonti di alimentazione
  • c - la conservazione degli habitat delle specie ornitiche
  • d - la conservazione delle condizioni naturalistiche vegetali all'azione dei venti salini
  • e - la conservazione del sistema dunale composto dagli elementi predunali, dunali e retrodunali
  • f - la salvaguardia del sistema floristico di base
  • g - la conservazione degli aspetti paesistici e naturalistici delle componenti rocciose
  • h - la conservazione della composizione floristica del sottofondo marino della LC con particolare riguardo alla prateria di posidonia
  • i - l' attività di tipo portuale commerciale e diportistico e l'attività di balneazione in armonia con gli aspetti di sostenibilità individuati
  • l - la conservazione della qualità batteriologica delle acque destinate alla balneazione
  • m - Il mantenimento degli indici di trofia mediamente ricompreso tra 3 e 5, tra elevato e buono, (nella scala da 2, elevato, a 8, scadente) e l'indice di qualità batteriologica delle acque mediamente ricompreso tra 1 e 2 (nella scla da 1, buono, a 4, mediocre)